Progetto Kairos

L’Oncologia Medica Ospedaliera del prossimo decennio secondo Cipomo

A un anno dall’ultimo workshop di stesura del progetto e a due mesi dalla condivisione dell’intero elaborato con i soci Cipomo, Kairos è stato completato. Si tratta di un progetto ambizioso, ideato e sviluppato da Cipomo che si propone, con la sua attuazione, di indirizzare l’Oncologia Medica Ospedaliera per il periodo 2012-2022. “Dieci priorità per i prossimi dieci anni” è il leimotiv che caratterizza questa iniziativa di Cipomo: i tempi cambiano e deve cambiare, di conseguenza, anche l’approccio tecnico-organizzativo alle malattie oncologiche. Chi meglio di Cipomo, poteva farlo, visto che il Collegio raduna i massimi vertici dell’Oncologia Medica italiana? In questo momento progettuale il consiglio direttivo di Cipomo è stato affiancato anche da altri professionisti, gli esperti di metodologie della Società EmmeEffe di Milano. Si è costituito un advisory board, al quale hanno partecipato anche altri professionisti del Cipomo, oltre al consiglio direttivo, che nel corso di 3 worshop, nel 2011, ha approfondito temi molto specifici- le variabili di sistema, le strategie, gli strumenti- che hanno definito gli scenari e le possibili azioni finalizzate all’ottimizzazione delle cure oncologiche e della loro gestione nel nostro Paese. “Tutti gli incontri hanno previsto momenti di presentazione dei contenuti, seguiti da momenti di brainstorming destrutturato e dibattito guidato”, si legge nell’introduzione del documento.
I contenuti sono stati quindi sviluppati in modo graduale, partendo dall’analisi del contesto a livello macroscopico, caratterizzato dalle tematiche in grado di influenzare l’ambito sanitario e ospedaliero nel prossimo decennio, giungendo alla individuazione delle strategie e degli strumenti che segneranno il cambiamento della Oncologia Medica Ospedaliera secondo il CIPOMO nei dieci anni a venire.
“Kairos è il primo di una serie di “studi” sul futuro dell’Oncologia Medica Ospedaliera Italiana. La finalità di questo documento, è anche quella di consentire ai soci del CIPOMO ed ai componenti degli organi societari di interloquire in modo costruttivo e organizzato con: Funzionari del Ministero della Salute e delle Regioni, Direttori e Manager di Aziende Sanitarie, le Associazioni dei Pazienti, Medici, Infermieri ed altro personale sanitario interessato nella gestione del cambiamento”, spiega Roberto Labianca, presidente di Cipomo, ringraziando tutti i partecipanti e i professionisti che opereranno per fare di Kairos uno strumento di lavoro.

Milano, 10 luglio 2012