Forse una speranza per la cachessia


Uno studio preclinico americano candida una molecola al momento sperimentale, chiamata AR-42, al ruolo di possibile terapia della cachessia.

La cachessia è una condizione che spesso causa il decesso del malato e contro la quale, a oggi, ci sono pochi strumenti terapeutici.
Colpisce soprattutto – ma non esclusivamente – coloro che si ammalano di un tumore pancreatico o gastrointestinale (fino al 70-80% dei pazienti) e circa un malato su tre di carcinoma del pancreas muore a causa della gravissima perdita di massa muscolare.

Ora però uno studio preclinico, pubblicato sul Journal of the National Cancer Institute dai ricercatori dell’Università dell’Ohio, candida una molecola per il momento sperimentale, chiamata AR-42, al ruolo di possibile terapia.

Il farmaco è stato ideato sul modello del vorinostat e della romidepsina (farmaci contro i quali è stato poi studiato), cioè per inibire l’istone deacetilasi (HDAC), pathway enzimatico molto attivo nelle forme più aggressive di tumore ed è stato messo a punto in base al profilo metabolonico degli enzimi e delle proteine coinvolte nella cachessia.

Somministrato per via orale agli animali con carcinoma del colon e del polmone, si è dimostrato in grado di fermare la perdita di massa muscolare associata al tumore e di peso, a differenza di quanto ottenuto tanto da vorinostat quanto da romidepsina.

Nei test è dunque emerso che l’AR-42 riesce a preservare la massa, la materia grassa e la funzionalità e resistenza muscolari, azioni fondamentali per fermare la cachessia e permettere così al malato di affrontare le terapie per il suo tumore.

Gli esperimenti proseguono su questo che, tra i molti progettati inizialmente, si è rivelato essere l’unico HDAC efficace. Se i risultati successivi rinforzeranno quanto visto nelle prime prove, entro pochi anni ci potrebbe essere una terapia specifica (e nel tempo, presumibilmente, una nuova classe di farmaci) per combattere la cachessia in tutti i tumori.

Fonte:

Tseng Y-C et al. Preclinical Investigation of the Novel Histone Deacetylase Inhibitor AR-42 in the Treatment of Cancer-Induced Cachexia
JNCI J Natl Cancer Inst (2015) 107 (12): djv274 doi: 10.1093/jnci/djv274