Come contenere il costo delle terapie oncologiche

Continua, con studi e valutazioni, il dibattito sui costi delle terapie oncologiche negli Stati Uniti. Negli ultimi giorni, in particolare, ne sono usciti due che giungono alle stesse conclusioni, e tentano di indicare una via di uscita.

Nel primo, pubblicato sul Journal of Economic Perspectives , gli economisti sanitari del MIT di Boston hanno calcolato che i 58 farmaci leader di mercato hanno aumentato il loro costo finale ogni anno del 10% dal 1995 a oggi, al netto dell’inflazione: se allora un anno di terapia costava, in media, 54.100 dollari, nel 2013 il prezzo era salito a 207.000 dollari. Nel suo complesso, quello dei farmaci oncologici è il mercato più ricco, con vendite che raggiungono i 91 miliardi di dollari, 37 dei quali spesi negli Stati Uniti; come rilevato nel 2013 da un gruppo di cento famosi oncologi, la politica è semplice: per determinare il costo di una nuova terapia le aziende partono da quelle esistenti, e applicano sistematicamente un aumento del 10-20%.

Nel secondo studio, uscito sui Mayo Clinic Proceedings, gli autori sottolineano che il costo di un anno di terapia è passato dai 5-10.000 dollari della fine degli anni novata agli oltre 100.000 del 2012. Valori che richiedono un’azione molto più decisa, che potrebbe procedere anche attraverso alcuni punti elencati:

· Permettere al Medicare di negoziare i prezzi;
· Sviluppare linee guida che incorporino sempre una valutazione costi/benefici;
· Permettere che la FDA indichi dei prezzi di riferimento basati sui benefici offerti;
· Vietare le strategie “pay-for-delay” con le quali le grandi aziende contrattano l’ingresso ritardato di generici e biosimilari nel mercato per preservare la propria nicchia;
· Permettere l’importazione di farmaci per uso personale;
· Permettere che le associazioni di pazienti includano i rapporti tra costi e benefici nelle loro linee guida;
· Favorire la nascita di lobby che difendano gli interessi dei malati da questo punto di vista.

Fonte:
Howard DH et al. Pricing in the Market for Anticancer Drugs. Journal of Economic Perspectives, 29(1): 139-62. DOI: 10.1257/jep.29.1.139