• OncoNews dicembre

    Insieme, nell'anno che verrą. CONTACI

  • OncoNews dicembre

    Insieme, nell'anno che verrą. CONTACI

  • OncoNews dicembre

    Insieme, nell'anno che verrą. CONTACI

  • OncoNews dicembre

    Insieme, nell'anno che verrą. CONTACI

  • OncoNews dicembre

    Insieme, nell'anno che verrą. CONTACI

  • OncoNews dicembre

    Insieme, nell'anno che verrą. CONTACI

  • OncoNews dicembre

    Insieme, nell'anno che verrą. CONTACI

  • OncoNews dicembre

    Insieme, nell'anno che verrą. CONTACI

  • OncoNews dicembre

    Insieme, nell'anno che verrą. CONTACI

  • OncoNews dicembre

    Insieme, nell'anno che verrą. CONTACI

  • OncoNews dicembre

    Insieme, nell'anno che verrą. CONTACI

  • OncoNews dicembre

    Insieme, nell'anno che verrą. CONTACI

  • OncoNews dicembre

    Insieme, nell'anno che verrą. CONTACI

  • OncoNews dicembre

    Insieme, nell'anno che verrą. CONTACI

  • OncoNews dicembre

    Insieme, nell'anno che verrą. CONTACI

  • OncoNews dicembre

    Insieme, nell'anno che verrą. CONTACI

  • OncoNews dicembre

    Insieme, nell'anno che verrą. CONTACI

  • OncoNews dicembre

    Insieme, nell'anno che verrą. CONTACI

Archivio progetti e iniziative conclusi

OMFT - Prima Edizione

OMFT - Prima Edizione

Il Corso OMFT è riservato a 25 dirigenti medici, specialisti in oncologia, che
aspirano a ricoprire ruoli direzionali nell'ambito della disciplina.


Esso nasce dalla esigenza di supportare il percorso di crescita dei giovani talenti dell'oncologia italiana che saranno chiamati
a dirigere i servizi destinati ai pazienti
oncologici all'interno di contesti aziendali e
di sistemi sanitari regionali in costante cambiamento.

Obiettivi del corso

  • approfondire i processi di cambiamento che su scala regionale e aziendale stanno riconfigurando le
    logiche di funzionamento dei servizi
    e, di conseguenza, i modelli per la presa in carico dei pazienti oncologici
  • diffondere le implicazioni sulle strutture organizzative e sui meccanismi operativi delle nuove configurazioni d'azienda
  • sostenere il passaggio generazionale verso le posizioni di responsabilità di struttura complessa, di incarichi professionali, di referente di patologia o di uno specifico sapere attraverso un confronto tra generazioni di professionisti oncologi su progetti di cambiamento organizzativo proposti dai partecipanti
  • avviare processi di cambiamento in seno alle attuali strutture organizzative di Oncologia Medica
  • divulgare e diffondere progetti di cambiamento attraverso la pubblicazione dei migliori casi aziendali



I partecipanti:

  • Aprile Giuseppe - Azienda Ospedaliera Universitaria Santa Maria della Misericordia di Udine
  • Battelli Nicola - Azienda Ospedaliera Umberto I, Ancona
  • Cabiddu Mary - Azienda Ospedaliera di Treviglio-Romano di Lombardia
  • Caffo Orazio - Ospedale di Trento
  • Camerini Andrea - Ospedale Unico della Versilia
  • Ceniti Silvia Nadia Lavinia - Ospedale Mariano Santo di Cosenza
  • Cortinovis Diego - Luigi Azienda Ospedaliera San Gerardo di Monza
  • Follador Alessandro - Azienda Ospedaliera Universitaria Santa Maria della Misericordia di Udine
  • Garassino Marina Chiara - Istituto nazionale dei Tumori, Milano
  • La Verde Nicla Maria - Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli e Oftalmico, Milano
  • Locati Laura Deborah - Istituto nazionale dei Tumori, Milano
  • Lonardi Sara - Istituto Oncologico Veneto
  • Lucenti Antonio - ASP 7, Ragusa
  • Maione Paolo - Azienda Ospedaliera Giuseppe Moscati, Avellino
  • Mandala' Mario - Ospedale Papa Giovanni XXIII, Bergamo
  • Mozzicafreddo Alessandro - Ausl Valle D'Aosta, Aosta
  • Ribecco Stefania - Ospedale S. Maria Annunziata Azienda Sanitaria Usl 10, Firenze
  • Sava Teodoro - Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata, Verona-Borgo Trento
  • Spina Michele - CRO, Aviano
  • Tamberi Stefano - Ospedale di Faenza
  • Tiseo Marcello - Azienda Ospedaliero Universitaria di Parma
  • Tomasello Gianluca - Istituti Ospitalieri di Cremona
  • Valente Monica - Dipartimento di Oncologia Usl 9, Grosseto
  • Velutti Laura - Istituto Clinico Humanitas, Milano
  • Zambelli Alberto - Ospedale Papa Giovanni XXIII, Bergamo



Una breve presentazione del Corso a cura del dottor Gianpiero Fasola, Presidente Cipomo

Cari Colleghi,

l'oncologia presenta in tutto il mondo occidentale dinamiche evolutive che la rendono emblematica dei cambiamenti in corso nei Servizi Sanitari. Le innovazioni scientifiche e clinico professionali, i rapidi mutamenti epidemiologici, l'approssimarsi dell'insostenibilità dei costi, ne fanno un modello al quale guardare percapire in anticipo quali cambiamenti organizzativi si rendono necessari.
L'oncologia italiana continua a dare un contributo misurabile al progresso clinico: questa iniziativa vorrebbe accrescere la nostra capacità di partecipare direttamente anche alle necessarie innovazioni nell'organizzazione dei servizi e nelle relazioni con le Istituzioni di governo.

CIPOMO nasce all'indomani dell'aziendalizzazione e regionalizzazione del Servizio Sanitario Nazionale, introdotte con le riforme del 1992 e 1993, dalla consapevolezza che il ruolo di Primario, come lo conoscevamo all'epoca, sarebbe irrimediabilmente e definitivamente cambiato. In questi 15 anni ha lavorato moltissimo per favorire la crescita delle competenze organizzative e gestionali dei Direttori di Oncologia Ospedaliera italiani ed, in anni più recenti, per avviare nuove relazioni con le Istituzioni.

Siamo ormai immersi in una nuova fase di cambiamento che richiede una formazione adeguata alle sfide cha abbiamo di fronte: l'esercizio dei ruoli di responsabilità (di risorse umane ed economiche) si manifesterà anche in forme differenti da quella dell'ex Primario.

Le nuove reti oncologiche, e in molti casi già le Aziende ospedaliere e sanitarie di oggi, richiedono la gestione di Gruppi multidisciplinari, funzioni di responsabilità per patologia, direzione di SOS oltre che di SOC e di Dipartimenti, ecc. . Perciò crediamo sia necessario che gradualmente i giovani oncologi che ambiscano a ricoprire ruoli di responsabilità nel prossimo futuro possano acquisire conoscenze e competenze che normalmente non vengono fornite nei Corsi di Laurea o nelle Scuole di Specializzazione, e che fanno parte del percorso di crescita lavorativo di una fase professionale più matura.

Per raggiungere questo obiettivo CIPOMO ha sottoscritto un accordo quadro con un partner prestigioso, la Scuola di Direzione Aziendale dell'Università Bocconi di Milano, nell'ambito del quale ha avviato il progetto sperimentale OMFT, grazie al supporto incondizionato di alcune importanti Aziende che ringraziamo per averne compreso da subito la rilevanza e per un sostegno improntato al rispetto dei ruoli.

Ci auguriamo che questa iniziativa risponda alle vostre esigenze e vi diamo appuntamento nelle Aule e nelle vostre Strutture.

Gianpiero Fasola

Scarica la brochure