• OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

Archivio News

Dieta ed esercizio migliorano le condizioni generali dei pazienti in deprivazione androgenica


Nei pazienti sottoposti a deprivazione ormonale per un carcinoma della prostata, un programma di attività fisica unito a una dieta ricca di frutta e verdura fresche migliorano la qualità di vita e aiutano a prevenire quel peggioramento di molti parametri (quali la forza muscolare e il grasso) che, a sua volta, predispone ad altre patologie quali il diabete e le malattie cardiovascolari.

Il legame non è nuovo, ma per la prima volta è stato dimostrato in uno studio controllato di questo tipo dai ricercatori dell'Università dell'Ohio, che hanno pubblicato quanto osservato su una trentina di malati sugli Annals of Behavioural Medicine.
Nel trial infatti metà dei partecipanti sono stati invitati a seguire un programma di 12 settimane incentrato sull'attività fisica personalizzata (che prevedeva sollevamento pesi, cyclette, esercizio aerobico e altro) e su un counseling nutrizionale basato sull'aumento della frutta e della verdura a scapito dei cibi grassi e delle carni, mentre la metà di controllo ha ricevuto solo istruzioni generiche. I pazienti sono stati accuratamente controllati all'inizio (prima erano tutti scarsamente attivi), e poi dopo due e dopo tre mesi dall'inizio del programma, e le differenze rilevate sono state molto significative.

I malati del gruppo di trattamento hanno infatti perso in media poco meno di due chili, 1,8 dei quali di grasso, e la percentuale di grasso nel loro corpo è scesa del 2%; al contrario, gli altri hanno acquistato circa un terzo del peso originario e in media 900 grammi di grasso, con un aumento della percentuale di grasso dell'1,8%. Inoltre la forza fisica - intesa come capacità di sollevare pesi - è migliorata di circa 9 chilogrammi per i primi, ed è rimasta invariata per i secondi. Oltre a tutto ciò, i pazienti del gruppo di trattamento hanno mostrato una spontanea volontà a muoversi di più e a mangiare meglio, segno del fatto che l'educazione e i programmi personalizzati funzionano anche al di là del singolo risultato.
Gli autori, che sottolineano l'importanza di una personalizzazione dei programmi, hanno già lanciato uno studio più grande, con circa 200 partecipanti.

 

Fonte:
Focht B et al. Effects of a Group-Mediated Exercise and Dietary Intervention in the Treatment of Prostate Cancer Patients Undergoing Androgen Deprivation Therapy: Results From the IDEA-P Trial.
Annals of Behavioral Medicine, kax002, https://doi.org/10.1093/abm/kax002
https://academic.oup.com/abm/advance-article-abstract/doi/10.1093/abm/kax002/4921335?redirectedFrom=fulltext