• OncoNews Dicembre

    Dalla teoria alla pratica: un viaggio ancora incompiuto?

  • OncoNews Dicembre

    Dalla teoria alla pratica: un viaggio ancora incompiuto?

  • OncoNews Dicembre

    Dalla teoria alla pratica: un viaggio ancora incompiuto?

  • OncoNews Dicembre

    Dalla teoria alla pratica: un viaggio ancora incompiuto?

  • OncoNews Dicembre

    Dalla teoria alla pratica: un viaggio ancora incompiuto?

  • OncoNews Dicembre

    Dalla teoria alla pratica: un viaggio ancora incompiuto?

  • OncoNews Dicembre

    Dalla teoria alla pratica: un viaggio ancora incompiuto?

  • OncoNews Dicembre

    Dalla teoria alla pratica: un viaggio ancora incompiuto?

  • OncoNews Dicembre

    Dalla teoria alla pratica: un viaggio ancora incompiuto?

  • OncoNews Dicembre

    Dalla teoria alla pratica: un viaggio ancora incompiuto?

  • OncoNews Dicembre

    Dalla teoria alla pratica: un viaggio ancora incompiuto?

  • OncoNews Dicembre

    Dalla teoria alla pratica: un viaggio ancora incompiuto?

  • OncoNews Dicembre

    Dalla teoria alla pratica: un viaggio ancora incompiuto?

  • OncoNews Dicembre

    Dalla teoria alla pratica: un viaggio ancora incompiuto?

  • OncoNews Dicembre

    Dalla teoria alla pratica: un viaggio ancora incompiuto?

  • OncoNews Dicembre

    Dalla teoria alla pratica: un viaggio ancora incompiuto?

  • OncoNews Dicembre

    Dalla teoria alla pratica: un viaggio ancora incompiuto?

  • OncoNews Dicembre

    Dalla teoria alla pratica: un viaggio ancora incompiuto?

  • OncoNews Dicembre

    Dalla teoria alla pratica: un viaggio ancora incompiuto?

Archivio News

Radioterapia per la prostata: un mese è meglio di due quando il rischio non è elevato


Per i pazienti con carcinoma prostatico a rischio medio, la radioterapia ipofrazionata (HRT) potrebbe offrire qualche vantaggio rispetto a quella convenzionale (CRT). Lo suggerisce una metanalisi effettuata dai ricercatori del Brigham and Woman's Hospital di Boston, pubblicata su European Urology Focus, in cui sono stati presi in esame i dati di oltre 5.000 pazienti che avevano preso parte a tre studi randomizzati e controllati nei quali erano state messe a confronto le due forme di radioterapia.


In totale, il 64,8% dei partecipanti (cioè oltre 3.500 uomini) aveva un rischio medio e, tra costoro, la probabilità di recidiva è risultata inferiore del 13% nei malati che erano stati sottoposti a HRT. Non sono emerse invece differenze statisticamente significative per quanto riguarda la sopravvivenza globale anche se i pazienti in ottime condizioni di salute probabilmente hanno avuto un beneficio anche da questo punto vista, se sottoposti a HRT.


Per quanto riguarda la possibile tossicità, l'HRT è risultata associata a un'incidenza maggiore di eventi all'uretra e alla vescica rispetto alla CRT, e ciò impone una particolare attenzione alle condizioni dei malati, prima di decidere verso che tipo di radioterapia orientarsi. In particolare, per quanto riguarda i parametri più semplici da rilevare, secondo gli autori andrebbero esclusi dall'HRT coloro che si alzano più di tre volte per urinare di notte o che comunque provano urgenza di urinare o sono incontinenti, così come coloro che sono in terapia con anticoagulanti, che possono aumentare il rischio di sanguinamenti.
Infine, gli esperti di Boston raccomandano la conduzione di studi mirati sui pazienti ad alto rischio e sugli indicatori che possono definire, a livello di singolo paziente, che tipo di radioterapia può essere ottimale, tenendo conto anche dei rischi per uretra e vescica.


Fonte:
Trevor Joseph Royce, Dong Hoon Lee, NaNa Keum, Nitipong Permpalung, Calvin J. Chiew, Sherise Epstein, Kristen M. Pluchino, Anthony V. D'Amico. Conventional Versus Hypofractionated Radiation Therapy for Localized Prostate Cancer: A Meta-analysis of Randomized Noninferiority Trials. European Urology Focus, 2017; DOI: 10.1016/j.euf.2017.10.011
http://www.eu-focus.europeanurology.com/article/S2405-4569(17)30251-1/fulltext