Archivio News

Stress post traumatico e cancro: una pericolosa accoppiata da conoscere e scardinare


La sindrome da stress post traumatico (PTSD) interessa un paziente su cinque, ed è spesso sottovalutata. Ma opportune misure preventive e terapeutiche possono aiutare molto a contenerla e, in caso si sia instaurata, a sconfiggerla.

Indaga un aspetto tra i meno conosciuti tra quelli associati alla diagnosi di cancro lo studio pubblicato su Cancer dagli oncologi dell'Università nazionale della Malesia. Una conseguenza dello svelamento della malattia che può sembrare secondaria, ma che invece può avere effetti anche non trascurabili quali, per esempio, la cronicizzazione (con rischi di disturbi psichiatrici più pericolosi), la depressione anche grave, l'ansia davanti a qualunque sintomo (una normale febbre, un gonfiore, un affaticamento) o la decisione di non recarsi alle visite di controllo per paura, e che andrebbe quindi conosciuto meglio, messo in conto e contrastato.
Nell'indagine 469 pazienti con vari tipi di cancro sono stati sottoposti a un questionario specifico nel mese successivo alla diagnosi, e poi di nuovo sei mesi e quattro anni dopo.
L'incidenza della PTSD è risultata essere pari al 21,7% entro 30 giorni, e poi in calo fino al 6,1% dopo quattro anni, ma tra coloro che la sviluppano, circa uno su tre risulta essere colpito da una forma persistente e difficile da trattare.

La notizia positiva è giunta dalle donne con tumore al seno, tra le quali la stessa è risultata essere 3,7 volte meno probabile, entro sei mesi dalla diagnosi, rispetto agli altri pazienti: anche se nel tempo il valore tende a equivalere a quello degli altri malati, la differenza iniziale dimostra l'efficacia dei programmi di counselling e supporto attivi in molti centri oncologici e tra le associazioni di malate, a riprova del fatto che prevenire la sindrome si può, e si deve.

 

Fonte
Hsien Chan CM et al. Course and predictors of post-traumatic stress disorder in a cohort of psychologically distressed patients with cancer: A 4-year follow-up study.
DOI: 10.1002/cncr.30980
http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/cncr.30980/abstract;jsessionid=C5551B593940CF02057D5D20B686B4ED.f04t02