• OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

Archivio News

Il distress finanziario non è obbligatorio


Oltre alla tossicità finanziaria, c'è anche il distress finanziario associato alle terapie antitumorali, condizione che può avere conseguenze talvolta serie e per fronteggiare la quale i pazienti non ricevono alcun tipo di preparazione.
E' questo l'allarme che emerge da una Research Letter pubblicata su JAMA Oncology dagli oncologi della Duke University, che hanno condotto un'indagine su 300 pazienti, tutti assicurati in vario modo (privatamente, oppure tramite il Medicare o il Medicaid). Le domande vertevano sul livello di stress associato alle spese impreviste e non coperte dall'assicurazione, e il risultato è stato che il 16% ha denunciato una condizione di distress molto grave. La spesa mediana era attorno all'11%, ma per i pazienti con distress maggiore arrivava al 30% e oltre, mentre per coloro che non risentivano di preoccupazioni economiche era attorno al 10%.
Quasi quattro su dieci, inoltre, hanno affermato che i costi sostenuti personalmente, non coperti dall'assicurazione, erano stati superiori alle aspettative, e questo - in una sotto-analisi non corretta per i vari fattori statistici - è risultato vero soprattutto tra i malati più giovani, non sposati, disoccupati o in pensione e con reddito basso, specialmente se non bianchi e se colpiti da tumore del colon o della mammella.
In generale, inoltre, chi risentiva del distress ha anche affermato di pensare di non essere in grado di onorare tutti i debiti.
Nella discussione gli autori si soffermano sulla totale impreparazione dei pazienti (soprattutto quelli più esposti allo stress per motivi sociali) all'eventualità che vi siano costi imprevisti e su quanto questo possa influire anche sulle scelte terapeutiche relative alle diverse fasi di cura, con una evidente lesione della libertà di scelta. Secondo l'Institute of Medicine, hanno ricordato ancora gli autori, tra le priorità su cui focalizzare la ricerca vi è quella dell'alfabetizzazione economica dei pazienti, e non a caso la materia è stata inclusa in quelle previste dal Center for Medicare and Medicaid's Oncology Care Model, con lo scopo di fornire al più presto modelli e protocolli per migliorare la consapevolezza.

Fonte:
Chino F et al. Out-of-Pocket Costs, Financial Distress, and Underinsurance in Cancer Care
JAMA Oncol. Published online August 10, 2017. doi:10.1001/jamaoncol.2017.2148
http://jamanetwork.com/journals/jamaoncology/fullarticle/2648318