• OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

Archivio News

Carcinoma HER2 positivo: dopo il trastuzumab il neratinib


La FDA ha dato il via libera al neratinib, primo inibitore chinasico multiplo, nello specifico anti HER1, 2 e 4 e anti EGFR, indicato per le donne con carcinoma mammario HER2 positivo (circa il 15% del totale), operate e già sottoposte a trastuzumab, poiché i dati dello studio ExeNet, pubblicato qualche mese fa su Lancet Oncology, ne hanno sancito la capacità di allungare ulteriormente la sopravvivenza libera da recidive e anche quella globale.
Nel trial, coordinato da Arlene Chan, del Breast Cancer Research Centre-Western Australia di Perth, oltre 2.800 donne reclutate in 495 centri oncologici di tutto il mondo sono state randomizzate a ricevere l'inibitore chinasico (240 mg al giorno) oppure un placebo per due anni; alla fine del periodo di osservazione sono stati osservati 70 eventi nel gruppo di trattamento contro 109 in quello di controllo, e la sopravvivenza libera da eventi invasivi è stata pari, rispettivamente, al 93,9 versus il 91,6%.
Gli eventi avversi più comuni associati al farmaco sono stati in linea con le attese: diarrea, nausea, dolore addominale, fatigue, vomito, rash cutanei, stomatite, spasmi muscolari, difficoltà digestive, perdita di appetito e di peso, disturbi delle unghie e secchezza della cute, in linea con le attese. Visti i risultati, l'agenzia regolatoria ha dunque approvato il farmaco come estensione della terapia adiuvante volta a diminuire il rischio di recidive e di morte.
Con questo ulteriore passo in avanti si spera, quindi, di assicurare alle pazienti con un tumore HER2 positivo che giungono alla diagnosi con una malattia in stadio precoce un ulteriore allungamento della sopravvivenza.

Fonte:

Chan A et al. Neratinib after trastuzumab-based adjuvant therapy in patients with HER2-positive breast cancer (ExteNET): a multicentre, randomised, double-blind, placebo-controlled, phase 3 trial
DOI: http://dx.doi.org/10.1016/S1470-2045(15)00551-3
http://www.thelancet.com/journals/lanonc/article/PIIS1470-2045(15)00551-3/fulltext
FDA approves new treatment to reduce the risk of breast cancer returning
https://www.fda.gov/NewsEvents/Newsroom/PressAnnouncements/ucm567309.htm