• OncoNews Luglio

    Pił tempo diamo alla relazione,
    pił tempo risparmiamo nella cura

  • OncoNews Luglio

    Pił tempo diamo alla relazione,
    pił tempo risparmiamo nella cura

  • OncoNews Luglio

    Pił tempo diamo alla relazione,
    pił tempo risparmiamo nella cura

  • OncoNews Luglio

    Pił tempo diamo alla relazione,
    pił tempo risparmiamo nella cura

  • OncoNews Luglio

    Pił tempo diamo alla relazione,
    pił tempo risparmiamo nella cura

  • OncoNews Luglio

    Pił tempo diamo alla relazione,
    pił tempo risparmiamo nella cura

  • OncoNews Luglio

    Pił tempo diamo alla relazione,
    pił tempo risparmiamo nella cura

  • OncoNews Luglio

    Pił tempo diamo alla relazione,
    pił tempo risparmiamo nella cura

  • OncoNews Luglio

    Pił tempo diamo alla relazione,
    pił tempo risparmiamo nella cura

Archivio News

Interazioni: un rischio crescente (e spesso sottovalutato)


I pazienti oncologici che stanno per intraprendere una chemioterapia o comunque una terapia per il loro tumore dovrebbero essere controllati con attenzione per quanto riguarda le altre cure e, in particolare, per i supplementi a base di erbe, sempre più diffusi. In molti casi ci possono infatti essere interazioni tra questi ultimi e i farmaci oppure tra i farmaci, con modifiche anche significative dell'efficacia e delle tossicità, soprattutto quanto gli antineoplastici sono assunti per via orale.

A ribadire la necessità di uno scrupoloso esame delle terapie in corso è uno studio pubblicato sul Journal of Oncology Practice dagli oncologi dell''Università di San José, in Costa Rica, che hanno preso in esame 149 pazienti, identificando 36 potenziali interazioni in 26 di essi, pari al 17% del totale; per tutti costoro è stato deciso un cambiamento di terapia in base ai farmaci da banco assunti, mentre quattro di essi hanno avuto conseguenze cliniche derivanti dalle interazioni tra farmaci. Oltre a ciò, è emerso che più della metà (il 56%) assumeva uno o più supplementi a base di erbe al momento della diagnosi, per un totale di 122 possibili interazioni tra farmaci e supplementi a base di erbe, a riprova dell'amplissima diffusione di questi preparati nella popolazione generale, e che quando i supplementi erano due, il rischio di un'interazione con i farmaci per il tumore era più che raddoppiato. E lo stesso vale per i farmaci spesso assunti dai malati anziani, e non solo da loro: per esempio, l'enzalutamide diminuisce l'efficacia di molti farmaci importanti quali il ticagrelor prescritto a chi ha uno stent, e pone quindi il paziente a un aumento di rischio di attacco cardiaco. Anche se la via orale è generalmente più sicura rispetto a quella endovenosa - hanno commentato gli autori - il ricorso a farmaci e preparati da banco è sempre più diffuso, e va monitorato con attenzione, possibilmente da un team multidisciplinare che preveda sempre un farmacista specializzato.

Fonte:

Ramos-Esquivel A et al. Potential Drug-Drug and Herb-Drug Interactions in Patients With Cancer: A Prospective Study of Medication Surveillance
http://ascopubs.org/doi/10.1200/JOP.2017.020859