• OncoNews Luglio

    Più tempo diamo alla relazione,
    più tempo risparmiamo nella cura

  • OncoNews Luglio

    Più tempo diamo alla relazione,
    più tempo risparmiamo nella cura

  • OncoNews Luglio

    Più tempo diamo alla relazione,
    più tempo risparmiamo nella cura

  • OncoNews Luglio

    Più tempo diamo alla relazione,
    più tempo risparmiamo nella cura

  • OncoNews Luglio

    Più tempo diamo alla relazione,
    più tempo risparmiamo nella cura

  • OncoNews Luglio

    Più tempo diamo alla relazione,
    più tempo risparmiamo nella cura

  • OncoNews Luglio

    Più tempo diamo alla relazione,
    più tempo risparmiamo nella cura

  • OncoNews Luglio

    Più tempo diamo alla relazione,
    più tempo risparmiamo nella cura

  • OncoNews Luglio

    Più tempo diamo alla relazione,
    più tempo risparmiamo nella cura

Archivio News

Se c'è la radio il pembrolizumab funziona meglio


Mentre l'AIFA dà il via libera al pembrolizumab, monoclonale anti PD1, per i pazienti con NSCLC avanzato positivo a PD-L1, i trial Keynote, che ne stanno indagando ogni possibile applicazione, vanno avanti. E uno di essi, lo 001, fornisce una prima risposta a un quesito importante: la radioterapia fatta prima, come segnalato in alcuni studi preclinici e osservazioni anedottiche, può potenziare lo sblocco del sistema immunitario? La risposta sembra essere sì, eccome.

In esso infatti 97 pazienti sono stati sottoposti a tre dosi di pembrolizumab, ma metà di loro era già stata trattata con una radioterapia extracranica (n=38) o toracica (n=24). I dati non hanno lasciato dubbi, a un follow up mediano di 32,5 mesi.  Come riferito su Lancet Oncology dagli oncologi e radioterapisti dell'Università di Los Angeles, infatti, la sopravvivenza libera da progressione (PFS) è aumentata significativamente nei pazienti pretrattati rispetto agli altri: 4,4 versus 2,1 mesi per la radio extracranica, e 6,3 versus 2 mesi per la toracica; la sopravvivenza globale è stata pari, rispettivamente, a 10,7 versus 5,3 mesi per la radio extracranica e a 11 versus 5,3 mesi per quella toracica. In generale, i parametri sono stati nettamente a favore del pretrattamento radioterapico.

Anche la tossicità si è rivelata accettabile: quella toracica si è verificata nel 63% dei malati trattati anche con la radio toracica (in tre dei quali, pari al 13% del totale, direttamente associata al trattamento), e nel 40% degli altri (in uno dei quali causata dal trattamento, pari all'1%); in entrambi i gruppi il grado è stato quasi sempre il terzo, senza differenze significative. La conclusione è dunque che il pretrattamento può potenziare l'effetto dello sblocco del checkpoint PD1, con un aggravio di tossicità accettabile. Ora i dati dovranno essere riprodotti su scala più ampia, ma l'indicazione sembra molto chiara.

Fonte: Shaverdian N et al. Previous radiotherapy and the clinical activity and toxicity of pembrolizumab in the treatment of non-small-cell lung cancer: a secondary analysis of the KEYNOTE-001 phase 1 trial
DOI: http://dx.doi.org/10.1016/S1470-2045(17)30380-7
http://www.thelancet.com/journals/lanonc/article/PIIS1470-2045(17)30380-7/abstract