• OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

Archivio News

Tre milioni di anni in più grazie alla ricerca pubblica


La ricerca pubblica paga: in vite umane. Per la precisione, nel caso di quella finanziata dal National Cancer Trials Network e dalla sua costola SWOG, più di tre milioni di anni di vita, in sessanta di attività. E' stato presentato anche questo, all'ASCO appena conclusosi a Chicago: un bilancio di ciò che la ricerca clinica non finanziata da aziende ha significato per i pazienti americani. Ed è un bilancio confortante anche dal punto di vista economico, perché per ogni dollaro di investimento (e i milioni di dollari spesi sono stati in tutto 148) ne sono stati guadagnati (o, meglio, risparmiati) 125 per ogni anno di vita acquisito.


Impressionanti i dati presentati dai biostatistici del Fred Hutchinson Cancer Research Center: in totale, sono stati arruolati più di 20.000 pazienti, e le sperimentazioni hanno portato all'approvazione di 14 molecole innovative, nonché a oltre cento cambiamenti di standard; sono stati progettati e condotti 193 trial randomizzati di fase III, 23 dei quali - per un totale di 12.361 pazienti coinvolti, seguiti in base ai dati dei SEER fino al 2015 - hanno fatto emergere un miglioramento statisticamente significativo della sopravvivenza globale di tutti i malati in tumori del sangue così come per il cancro del polmone, della mammella, della pelle, della prostata e per altri ancora che, tradotto in anni di vita, è 3,34 milioni; anche dopo aver corretto i conti tenendo presente che non tutti i malati possono aver avuto accesso alle terapie più innovative, o volendo valutare i benefici a tre e non a cinque anni, il vantaggio è stato comunque di due milioni di anni.

Per rendere più concreto il calcolo, gli autori, che hanno pubblicato le loro stime anche su JAMA Oncology, hanno poi affermato che grazie alle scoperte sponsorizzate da SWOG, ognuno dei 600.000 pazienti che nel 2017 è destinati a morire per un tumore negli Stati uniti ha avuto comunque tre anni di vita in più.


Fonte:
Unger J et al. The Effect of Positive SWOG Treatment Trials on Survival of Patients With Cancer in the US Population
JAMA Oncol. Published online June 5, 2017. doi:10.1001/jamaoncol.2017.0762
http://jamanetwork.com/journals/jamaoncology/fullarticle/2630064