• OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

Archivio News

Più piastrine, più rischio


Il rialzo delle piastrine può essere un primo indicatore della presenza di un tumore, anche in assenza di altri segni e sintomi. La possibile associazione è stata suggerita da tempo, ma ora uno studio condotto su oltre 50.000 persone la rafforza, candidando il dosaggio a test di diagnosi precoce, per ora quando fatto nell'ambito di altri esami.

Nello studio, pubblicato sul British Journal of General Practice, e condotto dai ricercatori dell'Università di Exeter, sono stati analizzati i dati di circa 50.000 persone appunto, scelte a caso in un database nazionale e dai Registri tumori, tutte con più di 40 anni, e si è visto che tra chi aveva una conta piastrinica superiore a 400 il rischio di sviluppare un tumore nei mesi successivi era notevolmente più alto rispetto a quanto accadeva nei soggetti senza trombocitosi. In particolare, a un anno dal test ll'11,6% degli uomini e il 6,2% delle donne con piastrine alte avevano avuto una diagnosi di tumore, contro il 4,1 e il 2,2% dei controlli.

L'innalzamento delle piastrine è risultato associato a una diminuzione del rischio di tumore della mammella e della prostata, ma a un aumento di quelli del polmone e del colon rispetto ai controlli. Infine, tra coloro che avevano avuto la trombocitosi e il tumore al colon, circa uno su tre non aveva avuto alcuna manifestazione di altro tipo.

Le piastrine, hanno commentato gli Autori, si innalzano più negli uomini che nelle donne, e lo fanno per un'infinità di motivi: è dunque prematuro consigliare il dosaggio come esame di screening. Tuttavia, nel caso in cui si debbano eseguire test per altri motivi, soprattutto dopo una certa età, sarebbe bene inserire anche il test e, in caso di rialzo sospetto e prolungato, verificare se ci siano altri possibili indicatori. Il NICE, del resto, nelle sue recenti linee guida sulla diagnosi precoce, ha segnalato un possibile nesso tra trombocitosi e tumori dell'esofago, dello stomaco, del polmone e dell'utero.

Fonti:

Bailey S et al. Clinical relevance of thrombocytosis in primary care: a prospective cohort study of cancer incidence using English electronic medical records and cancer registry data
Br J Gen Pract 22 May 2017; bjgp17X691109
http://bjgp.org/content/early/2017/05/22/bjgp17X691109

Suspected cancer: recognition and referral
NICE guideline [NG12] Published date: June 2015
https://www.nice.org.uk/guidance/ng12/chapter/1-recommendations-organised-by-site-of-cancer#gynaecological-cancers