• OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

  • OncoNews Maggio

    Pensare al futuro del CIPOMO partendo
    da cosa chiediamo agli oncologi

Archivio News

Radioterapia dopo la mastectomia: va bene anche più concentrata


Le donne sottoposte a mastectomia possono ricevere una radioterapia più breve rispetto alle tradizionali 5-6 settimane, senza che questo aumenti la tossicità del trattamento né comprometta le probabilità di recidiva. Lo dimostra uno studio di fase 2 pubblicato sul Journal of Clinical Oncology  dagli oncologi e radioterapisti del Rutgers Cancer Institute del New Jersey nel quale 67 donne con una malattia in stadio II o IIIa sono state trattate, tra il 2010 e il 2014, con una dose complessiva di 36,63 Gy somministrati in 11 frazioni da 3,33 Gy nel torace e nella zona linfonodale in un arco di tempo di tre settimane; in casi specifici, la dose è stata aumentata di 4 frazioni da 3,3 Gy l'una nella zona del torace e in quella della cicatrice, per un totale di 15 sedute, sempre in 3 settimane.

Dopo un follow up di 32 mesi, il risultato è stato molto positivo: non sono emerse, rispetto agli schemi classici, tossicità di grado 3-4 significativamente superiori; ne sono state registrate 29 di grado 2, consistenti principalmente in rash cutanei seguiti da fatigue, cioè in linea con quanto atteso e con quanto si verifica con 6 settimane di trattamento. Inoltre, la percentuale di donne che hanno superato i 3 anni senza recidive è stata dell'89,2%, e quella di coloro che, sempre a 3 anni, non hanno avuto recidive a distanza è stata del 90,3%.
Questi numeri confermano quindi che una radioterapia più concentrata non comporta una maggiore tossicità, e garantisce gli stessi esiti. Restano da quantificare i vantaggi in termini di qualità di vita sia per l'impegno richiesto dai cicli più lunghi sia per le conseguenze sul benessere, ma con ogni probabilità anche questi parametri saranno quantificati nella fase 3, già avviata dagli stessi autori in collaborazione con i colleghi dello Sloan Kettering Cancer Center di New York e con quelli dell'Huntsman Cancer Institute.

 

Fonte:
1. Atif J. Khan, Matthew M. Poppe, Sharad Goyal, Kristine E. Kokeny, Thomas Kearney, Laurie Kirstein, Deborah Toppmeyer, Dirk F. Moore, Chunxia Chen, David K. Gaffney, Bruce G. Haffty. Hypofractionated Postmastectomy Radiation Therapy Is Safe and Effective: First Results From a Prospective Phase II Trial. Journal of Clinical Oncology, 2017; JCO.2016.70.715 DOI: 10.1200/JCO.2016.70.7158