• OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

  • OncoNews Settembre

    L'etica del Secondo Parere:
    medicina basata sulle evidenze,
    sulle convenienze o sulle eminenze?

Archivio News

Inibitori delle aromatasi e ossa: cosa fare


Anche se molte stime fissano nel 10% l'aumento di rischio di fratture per le donne che assumono inibitori delle aromatasi (AI) rispetto alle coetanee sane, sette società scientifiche internazionali, sottolineando che nell'esperienza di tutti i giorni l'effetto di questi farmaci sulle ossa è assai superiore, hanno deciso di elaborare le linee guida per la prevenzione della perdita di densità ossea specifica (AIBL) specifica, e di pubblicarle sul Journal of Bone Oncology; le sette sono l'International Osteoporosis Foundation (IOF), la Cancer and Bone Society (CABS), l'International Group for AIBL (IEG), la European Society for Clinical and Economic Aspects of Osteoporosis, Ostheoarthritis and Muscoloskeletal Diseases (ESCEO), la European Calcified Tissue Society (ECTS), l'International Menopause Society (IMS) e l'International Society for Geriatric Oncology (SIOG).

Tra le raccomandazioni vi sono le seguenti:

  • A coloro che iniziano una cura con AI è necessario parlare dell'importanza dell'attività fisica e dell'assunzione di calcio e vitamina D, e valutare il rischio di fratture;
  • A tutte coloro che all'inizio della cura hanno un T score < -2, oppure <-1,5 con un fattore di rischio, o due o più fattori di rischio va prescritta una terapia specifica per le ossa;
  • Le donne con T score > -1,5 e nessun fattore di rischio vanno seguite per tutto il primo anno in base alle condizioni delle ossa e seguendo le linee guida locali relative alle donne in menopausa;
  • In base alle conoscenze attuali, la densità ossea si preserva con sei somministrazioni mensili di denosumab oppure con un anno di zoledronato per tutta la durata della terapia con AI nelle donne in menopausa; la preferenza va data al zoledronato quando la priorità è la prevenzione delle recidive e al denosumab quando la stessa è il rischio di fratture;
  • I bisfosfonati vanno raccomandati a tutte le donne a elevato rischio di recidive, dato l'effetto dimostrato su queste ultime e sul rischio di morte;
  • La compliance va controllata con esami regolari, ogni 12-24 mesi di trattamento.

 

Fonte:
P Hadji, M S Aapro, JJ Body, M Gnant, ML Brandi, JY Reginster, M Carola Zillikens, CC Glüer, T de Villiers, R Baber, G D Roodman, C Cooper, B Langdahl, S Palacios, J Kanis, N Al-Daghri, X Nogues, E Fink Eriksen, A Kurth, R Rizzoli, RE Coleman. Management of Aromatase Inhibitor-Associated Bone Loss (AIBL) in postmenopausal women with hormone sensitive breast cancer: Joint position statement of the IOF, CABS, ECTS, IEG, ESCEO, IMS, and SIOG. Journal of Bone Oncology, Vol. 7, June 2017, Pages 1-12. http://doi.org/10.1016/j.jbo.2017.03.001