• OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

Archivio News

Lo screening per il tumore della cervice: molto resta da fare tra le donne più a rischio


Lo screening per la diagnosi precoce del tumore della cervice, da attuare tramite Pap test o ricerca del DNA del papillomavirus (HPV), negli Stati Uniti non è a livelli ottimali e, ciò che è più grave, non lo è tra le donne considerate a maggior rischio, soprattutto nella fascia 45-65 anni. Lo dimostra uno studio pubblicato su Preventive Medicine e condotto dagli epidemiologi e oncologi dell'Università del Michigan sui dati di tre grandi sondaggi nazionali, e cioè il Centers for Disease Control's Behavioral Risk Factor Surveillance System, che includeva oltre 77.100 partecipanti, il National Cancer Institute's Health Information National Trends Survey, che ne comprendeva oltre 1.500 e il Services Administration's Bureau of Primary Health Care's Health Center Patient Survey, che ne aveva 760.

In generale, la compliance agli screening è risultata essere del 71%, un valore che assicura un effetto di gregge, ovvero una diminuzione dell'incidenza dei tumori nella popolazione, anche se si trova ai limiti inferiori dei range nei quali uno screening è ritenuto efficace.

Tuttavia, analizzando i dati in base alle diverse sottopopolazioni, gli autori hanno visto che tra le donne anziane e tra quelle che vivono in aree rurali i tassi di adesione erano sensibilmente più bassi rispetto a quelli delle donne che risiedevano in città o che avevano tra 45 e 49 anni, rispettivamente del 12 e del 5%. Analogamente, le donne con livelli più alti di istruzione sono risultate avere tassi di adesione superiori anche del 20% rispetto alle coetanee che non avevano ottenuto il diploma liceale, così come è accaduto a coloro che avevano un'assicurazione, che si erano sottoposte agli esami consigliati il 47% in più rispetto alle donne che non erano assicurate e dovevano quindi pagare il test di tasca propria.

Secondo gli autori, tra i motivi della disomogeneità ci potrebbe essere il fatto che gli schemi e i richiami sono spesso confusi, e diversi da zona a zona, e che molte donne cercano delucidazioni su internet, ottenendone spesso informazioni ancora più confuse. Per questo invitano tutti a seguire le indicazioni della U.S. Preventive Services Taskforce, che prevedono, in sintesi:

- donne di età compresa tra i 21 e i 29 anni: un Pap test ogni 3 anni

- donne di età compresa tra i 30 e i 65 anni: dopo essersi consultate con il proprio medico, le donne dovrebbero scegliere tra un test dell'HPV ogni 5 anni o un Pap test ogni tre anni

- donne con più di 66 anni: devono discutere con il proprio curante l'opportunità di continuare o meno i test, e quali fare.

Fonte:

Harper DM et al. Three large scale surveys highlight the complexity of cervical cancer under-screening among women 45-65 years of age in the United States

https://doi.org/10.1016/j.ypmed.2019.105880