• OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

Archivio News

Gli anti checkpoint possono danneggiare i reni


C'è una tossicità associata all'impiego degli immunoterapici anti checkpoint che, finora, non è stata considerata tra le principali, ma che in realtà colpisce una quantità non trascurabile di pazienti: quella acuta a carico dei reni. A tratteggiare un quadro più completo provvede ora uno studio pubblicato sul Clinical Journal of the American Society of Nephrology, nel quale oncologi e nefrologi del Massachusetts General Hospital di Boston hanno analizzato la storia di oltre mille pazienti trattati tra il 2011 e il 2016 per diversi tipi di tumore, a partire dai dosaggi di creatinina effettuati 6 e poi diverse volte entro i 12 mesi dall'inizio della cura.

Il risultato è stato che il 17% dei pazienti aveva avuto un AKI, ovvero un episodio acuto, definito come un aumento della creatinina serica di almeno 1,5 volte rispetto ai valori basali entro i 12 mesi; l'8% ne aveva avuto uno prolungato (della durata di tre giorni o più) e il 3% uno potenzialmente riconducibile agli anticheckpoint; oltre a questo, il 2% ne aveva avuto uno grave, di grado 3, e 4 avevano dovuto ricorrere alla dialisi. Anche l'assunzione di inibitori della pompa protonica è risultato associato a un AKI prolungato.

Secondo gli autori le cause di questa nefrotossicità non sono del tutto chiare e meritano un approfondimento, così come vale la pena di capire meglio il ruolo degli inibitori della pompa protonica e altri eventuali farmaci che abbiano una tossicità renale.

Nell'editoriale di commento, firmato da Christopher Carlos e Raymond Hsu, dell'Università della California di San Francisco, si sottolinea ulteriormente la necessità di studiare meglio gli effetti a carico dei reni, e di tenere conto anche di questo rischio quando si decide di intraprendere la strada dell'immunoterapia, al fine di preservare il più a lungo possibile integra la funzionalità renale.

Fonti:

Seethpathy H et al. The Incidence, Causes, and Risk Factors of Acute Kidney Injury in Patients Receiving Immune Checkpoint Inhibitors. CJASNOctober 2019, CJN.00990119; DOI: https://doi.org/10.2215/CJN.00990119

Christopher Carlos e Raymond Hsu. AKI with Immune Checkpoint Inhibitors: A Push Beyond Case October 31, 2019, DOI: 10.2215/CJN.12621019