• OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

Archivio News

Mieloma smouldering: è ora di cambiare standard?


Uno studio condotto dagli oncologi della Mayo Clinic di Rochester aderenti all'Eastern Cooperative Oncology Group, pubblicato sul Journal of Clinical Oncology, che ne conferma un altro, spagnolo, basato sulla somministrazione dello stesso farmaco più un cortisonico uscito nel 2013, potrebbe contribuire a modificare l'approccio al mieloma multiplo precoce, asintomatico, in lenta progressione, meglio noto come smouldering o SMM.

Il trattamento con lenanlidomide, infatti, può ritardare la comparsa dei sintomi e, soprattutto, i danni d'organo a essa associati.

Nel trial sono stati inclusi 182 pazienti, 92 dei quali sottoposti al farmaco (in cicli da 25 mg/die per i giorni 1-21), gli altri alla terapia standard, e cioè all'osservazione.

Dopo un follow up mediano di 35 mesi, tra i trattati, circa la metà ha mostrato segni di risposta, mentre nessuno degli altri ha visto la sua malattia cambiare rotta in modo significativo rispetto alle attese.

L'effetto positivo si è visto anche nel tempo libero da progressione, che si è allungato nei trattati rispetto ai controlli: quello a 1, 2 e 3 anni è stato pari al 98%, 93% e 91% per il gruppo della lenalidomide e al 89%, 76%, and 66% per quello di osservazione. Analogamente, i decessi sono stati, rispettivamente, due e quattro; è ancora presto, invece, per esprimersi sulla sopravvivenza globale.

Per quanto riguarda la tossicità, gli eventi gravi si sono verificati nel 28% dei trattati, ma gli oncologi sono stati in grado di fronteggiarli, riducendo le dosi.

Lo studio spagnolo non aveva modificato la pratica clinica perché non era stato possibile attribuire il beneficio a uno dei due farmaci. Ora però i due, nel loro insieme, si rafforzano a vicenda e autorizzano gli autori a proporre cambiamento di approccio, a cominciare dai pazienti più a rischio, per limitare al massimo il numero di coloro che progrediscono.

Fonte:

Lonial S et al. Randomized Trial of Lenalidomide Versus Observation in Smoldering Multiple Myeloma. Journal of Clinical Oncology, 2019; JCO.19.01740 DOI:10.1200/JCO.19.01740

MateosMV et al. Treatment for high-risk smoldering myeloma. N Engl J Med 369: 1762-1765, 2013 DOI: 10.1056/NEJMoa1300439