• OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

Archivio News

No, lo screening per il pancreas non s'ha da fare


La US Preventive Services Task Force conferma quanto già affermato nel 2004: lo screening di popolazione in soggetti asintomatici per la diagnosi precoce del carcinoma pancreatico non è consigliata, perché i suoi effetti non sono superiori ai sia pur minimi rischi né visibili sull'andamento della malattia, sulla mortalità specifica e su quella generale.

Il grado di evidenza non è alto, essendo D, ma ciò conferma forse il punto più importante della revisione: la scarsità di studi affidabili condotti sul tema, e la necessità di condurne altri. Nonostante questa forma tumorale sia, negli Stati Uniti, la terza per mortalità e si appresti a diventare la seconda, abbia ancora una mortalità elevatissima a causa del ritardo diagnostico, e la sua incidenza (oggi 12,9 per 100.000) sia in aumento, negli ultimi anni sono stati infatti condotti pochi trial che abbiano aiutato a dire una parola definitiva sulla diagnosi precoce, e a delimitare l'eventuale campo di intervento preventivo.

A pubblicare il documento è JAMA, che riporta anche l'analisi effettuata per giungere all'aggiornamento, nonché diversi editoriali di commento.
In particolare, gli epidemiologi e oncologi del Kaiser Permanente Research Affiliates Evidence-based Practice Center della Washiongton University di Seattle e Portland hanno verificato 13 studi che hanno coinvolto un totale di oltre 1.300 soggetti ad alto rischio per storia familiare, e visto che nessuno di essi aveva fatto emergere un beneficio in termini di morbidità, mortalità specifica o generale. I test erano stati condotti con ecografie, endoscopie, risonanze e TAC e avevano permesso di identificare, su 1.156 adulti, 18 casi di tumore tra le persone ad alto rischio, e 0 casi tra quelle (161) a rischio medio. Negli 8 studi (n=675) che avevano verificato la pericolosità degli esami non è emerso alcun rischio significativo, così come non sono state dimostrate conseguenze psicosociali nei due (n=271) che avevano valutato anche questo parametro. Gli aspetti chirurgici non sono stati invece oggetto di osservazioni sufficienti a esprimere un giudizio giustificato.

In generale, e come sottolineato nei diversi editoriali, fino a quando non saranno condotti altri studi non sarà possibile esprimersi a favore di uno screening, neppure per le popolazioni a rischio. Qualcosa, forse, sta cambiando, perché negli ultimi anni l'esigenza di fare progressi anche in questa forma, che resta una delle più ostiche, è cresciuta molto in tutto il mondo. Ma fino a quando tale esigenza non sarà tradotta in numeri, la situazione resterà immutata.

Fonti: