• OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

Archivio News

Meno ormoni più demenza


La deprivazione ormonale (ADT) sembra essere associata a un significativo aumento di patologie neurodegenerative quali l'Alzheimer e le altre demenze; di tale rischio si dovrebbe tenere conto, quando la si consiglia ai pazienti con carcinoma prostatico.

Questa la conclusione cui giungono i ricercatori della Perelman School of Medicine della University of Pennsylvania dopo aver preso in considerazione i dati di oltre 150.000 persone con 66 anni o più (oltre 62.000 con trattati con ADT, oltre 91.000 senza) ai quali era stato diagnosticato il tumore tra il 1996 e il 2003, raccolti attraverso il sistema dei registri SEER in 18 centri (che nel loro insieme coprono il 28% della popolazione americana) e che erano stati seguiti per almeno dieci anni (follow up mediano: 8,3 anni).

Come riportato su JAMA, infatti, tra i pazienti che avevano ricevuto un'ADT, il 13% ha in seguito sviluppato una demenza di Alzheimer, rispetto al 9% di coloro che erano stati curati in altro modo, mentre per le altre forme di demenza le percentuali sono state, rispettivamente, del 22 e del 16%. Anche dopo l'introduzione di fattori correttivi quali lo stato coniugale e altri, l'aumento di rischio associato all'ADT è rimasto pari al 14% per l'Alzheimer e al 20% per le altre demenze, se confrontato con le terapie non ormonali per o stesso tumore.
Il nesso, già suggerito in alcuni piccoli studi pubblicati negli anni scorsi, è dunque confermato e si aggiunge all'elenco di effetti negativi associati alla soppressione androgenica, in parte a loro volta fattori di rischio per le demenze quali l'aumento di peso, il diabete, le patologie cardiovascolari, la depressione e lo scadimento delle facoltà cognitive.

Secondo gli autori bisognerebbe considerare ogni paziente individualmente e decidere di volta in volta se i possibili benefici dell'ADT superano i rischi; solo per alcuni pazienti, infatti, essa apporta gradi e sicuri benefici, mentre per molti altri la situazione è meno chiara e andrebbe valutata con attenzione.

Fonte:
Jayadevappa R et al. Association Between Androgen Deprivation Therapy Use and Diagnosis of Dementia in Men With Prostate Cancer
JAMA Netw Open. 2019;2(7):e196562. doi:10.1001/jamanetworkopen.2019.6562