• OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

  • OncoNews ottobre

    Fondi per i farmaci oncologici e innovativi: rifinanziati, ma non ampliati

Archivio News

60 milioni di conferme: il vaccino anti HPV funziona


L'infezione da papillomavirus umano (HPV), con tutte le sue conseguenze, sta subendo un durissimo colpo grazie alla crescente diffusione del vaccino, al punto che qualcuno, anche a commento del grande studio pubblicato su Lancet, inizia a parlare di possibile eradicazione totale.

Gli epidemiologi dell'HPV Vaccination Impact Study Group dell'Università Laval del Quebec (Canada), infatti, hanno verificato virtualmente tutti gli studi e le metanalisi pubblicate tra il 2014 e il 2018 contenenti dati dei periodi precedenti e successivi alle vaccinazioni sulle infezioni, sui condilomi e sulle lesioni CIN2+ confermate istologicamente, e sono giunti a conclusioni nettissime, e molto incoraggianti.

Negli oltre 1.700 studi individuati, 65 dei quali condotti in 14 paesi ad alti livello di sviluppo, 23 erano relativi alle infezioni, 26 ai condilomi anogenitali e 32 per le CIN2+ e dopo 5-8 anni dalla vaccinazione la prevalenza degli HPV 16 e 18 è risultata diminuita dell'83% tra le ragazze di età compresa tra i 13 e i 19 anni e del 66% per quelle di età compresa tra i 20 e i 24 anni: un dato di per sé molto importante.
La stessa tendenza, poi, la si è ritrovata per i virus 31, 33 e 45, diminuiti del 54% tra le ragazze della fascia 13-19 anni.

Non è andata meglio ai condilomi: sono crollati del 67% tra le giovani di 15-19 anni e del 54% tra quelle di 20-24 anni, del 31% tra coloro che avevano tra i 25 e i 29 anni.
Anche tra i ragazzi vaccinati la situazione è risultata in netto miglioramento: tra i 15 e i 19 anni, infatti, i condilomi sono diminuiti del 48%, mentre tra i 20-24enni del 32%.
Infine, le lesioni CIN2+, risultate anch'esse in caduta libera, a 5-9 anni dalla vaccinazione: tra i 15 e i 19enni sono diminuite del 51% e tra i 20 e i 24enni del 31%.

Nel loro insieme, questi dati solo relativi a 60 milioni di persone con un follow up che è durato anche otto anni, e per questo nelle conclusioni non c'è spazio per alcun dubbio: le vaccinazioni anti HPV sono estremamente efficaci e devono essere ulteriormente implementate.


Fonte:
Drolet M et al. Population-level impact and herd effects following the introduction of human papillomavirus vaccination programmes: updated systematic review ancd meta-analysis.