• OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanità più efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanità più efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanità più efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanità più efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanità più efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanità più efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanità più efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanità più efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanità più efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanità più efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanità più efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanità più efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanità più efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanità più efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanità più efficiente

Archivio News

90° minuto: flash news dall' ASCO 2019

Tumori di testa e collo

I risultati dello studio Keynote 048 aprono la strada all'impiego di immunoterapia (pembrolizumab) nel trattamento di prima linea; la valutazione dei sintomi e la determinazione dei livelli di espressione di PD-L1 sono però necessari per identificare i pazienti dove l'immunoterapia potrà sostituire o dovrà accompagnare la chemioterapia standard.

Lo studio TPExtreme che ha confrontato il regime EXTREME con un regime modificato dove il taxotere sostituisce il fluorouracile infusionale (TPex) nel trattamento di prima linea non ha dimostrato né un miglioramento della sopravvivenza né una riduzione della tossicità globale con l'impiego del taxano al posto del FU infusionale che risulta tuttavia in un profilo di tossicità più favorevole.