• OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

Archivio News

La radioterapia migliora la sopravvivenza del mesotelioma


Un boost di radioterapia ad alte dosi può avere un impatto decisamente positivo sulla sopravvivenza dei malati di mesotelioma, arrivando a raddoppiarne la durata. Lo suggerisce uno studio italiano, presentato all'ultimo meeting ESTRO svoltosi nei giorni ascosi a Milano dai radioterapisti dell'Ospedale universitario di Udine guidati da Marco Trovo.

Nello studio 108 pazienti con mesotelioma, tutti già operati e sottoposti a chemioterapia presso il CRO di Aviano, sono stati randomizzati a ricevere una radioterapia radiale emitoracica somministrata in 25 sedute per un totale di 50 Gy in tutta la zona colpita dal tumore (la zona destra o sinistra del torace), seguiti da 60 Gy sul tumore stesso, oppure 20-30 Gy nella sede del tumore a scopo palliativo, secondo il protocollo standard.
Dopo due anni era ancora in vita il 58% dei pazienti sottoposti al trattamento più aggressivo, contro il 28% dei pazienti di controllo. Tra i primi, circa il 20% ha riportato una tossicità specifica e consistente soprattutto in polmoniti, e poi debolezza, nausea e infiammazioni dell'esofago.
Visti i risultati, Trovo ha proposto che il nuovo schema sia adottato come standard di riferimento per questo tipo di malati, o che si valuti questa possibilità, anche conducendo studi su altre casistiche che possano confermare quanto trovato a Udine.

Umberto Ricardi, presidente ESTRO e capo del Dipartimento di oncologia dell'Università di Torino e non coinvolto direttamente del trial, a sua volta ha commentato i dati con toni molto positivi, sottolineando la necessità, per questi malati, di ricorrere a un centro a elevata specializzazione radioterapica, dove siano disponibili tanto gli strumenti quanto il personale con un'adeguata esperienza e formazione, soprattutto per prevenire ed eventualmente trattare gli effetti collaterali associati a una terapia comunque aggressiva.


Fonti:
MInatel E et al. OC-0500 Radical Hemi-thoracic Radiotherapy vs. Palliative Radiotherapy for Malignant Pleural Mesothelioma
https://www.estro.org/ESTRO/media/ESTRO/Congresses/ESTRO38/ESTRO38-Abstract-book.pdf

Radiotherapy doubles survival for patients with mesothelioma
https://www.eurekalert.org/pub_releases/2019-04/esfr-rds042619.php