• OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

Archivio News

L'ESMO si mobilita contro le carenze di antitumorali economici


L'ESMO scende in campo per dire basta alla carenza di farmaci antitumorali economici in Europa, problema segnalato sempre più spesso, ma finora mai affrontato in maniera organica nell'ambito dell'Unione. Per iniziare a sopperire l'associazione il 9 aprile scorso ha invitato a Bruxelles alcuni rappresentanti del Parlamento Europeo al meeting intitolato Shortages of Inexpensive, Essential Medicines: Calling for Tangible Political Commitments in the EU, al fine di stabilire insieme una road map da indicare ai prossimi parlamentari, che saranno in carica tra il 2019 e il 2014 e avranno dunque tempo per prendere provvedimenti concreti.
Il panel ha individuato sei obbiettivi primari:

  1. Introdurre norme che obblighino i paesi a segnalare appena possibile una carenza di farmaci;
  2. Definire una strategia unica a livello europeo;
  3. Introdurre incentivi economici per il miglioramento degli stabilimenti di produzione, o per la realizzazione di nuovi impianti. Valutare l'opportunità di sovvenzionare le aziende che stanno per lasciare questo tipo di mercato affinché vi restino;
  4. Stilare un elenco di tutte le molecole più a rischio e definire i parametri validi per tutti, compresa una definizione europea di farmaco in stato di carenza, affinché la lista possa essere aggiornata in tempo reale da ogni paese;
  5. Sviluppare una lista dei farmaci essenziali per ogni paese, sulla scorta di quella già redatta dall'ONU;
  6. Definire e armonizzare le filiere produttive e distributive in modo da evitare il più possibile le carenze di farmaci economici.

Durante la giornata sono stati presentati i rapporti preparati dalla stessa ESMO e dalla Economist Intelligent Unit, che nel 2017 aveva stilato in dettagliato rapporto su cinque paesi: Germania, Bulgaria, Romania, Belgio e Finlandia, e ciò che è emerso con maggiore chiarezza è la carenza di dati e la disomogeneità di quelli disponibili. Anche per rimediare a questa drammatica e caotica situazione, l'ESMO ha chiesto ai membri del prossimo parlamento di attribuire alla questione lo stato di priorità assoluta, soprattutto per quanto riguarda i farmaci antitumorali, le cui carenze possono avere ripercussioni drammatiche per i pazienti ma anche per i sistemi sanitari, che si trovano a pagare molecole molto care laddove, spesso, ne sarebbero indicate altre molto più economiche.


Fonte:
ESMO Drives EU-level Action to Tackle Shortages of Essential Medicines
https://www.esmo.org/Press-Office/Press-Releases/essential-cancer-medicines-shortages-inexpensive