• OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

  • OncoNews giugno

    La quarta rivoluzione: un new deal per una sanitą pił efficiente

Archivio News

Le nuove direttive della FDA per gli screening mammografici


Per la prima volta dopo vent'anni la FDA propone alcuni cambiamenti per gli screening mammografici, per adeguare le linee guida alle tecnologie più moderne e per continuare a migliorare l'adesione ai programmi e la specificità delle indicazioni fornite. Ma non tutti gli esperti concordano con le nuove indicazioni.
L'accento del documento, di cui è disponibile per ora una bozza che, come sempre, è possibile commentare prima che venga stilata ed emanata la versione definitiva, tra 90 giorni, è posto sul seno denso, cioè quel seno nel quale il tessuto fibroghiandolare è superiore a quello lipidico. Le donne che ne hanno uno, secondo quanto suggerito, dovrebbero essere avvisate del rischio maggiore che corrono, insieme ai loro curanti, affinché svolgano tutti i controlli consigliati e siano particolarmente vigili, poiché com'è noto la densità può mascherare la presenza di lesioni molto piccole.

A questa indicazione hanno già risposto diversi esperti, sottolineando che dal momento che dopo i 40 anni le donne con seno denso sono circa la metà del totale, i rischi di una sottolineatura eccessiva sono evidenti: overdiagnosi, overtrattamento, falsi positivi, ansia e in definitiva minore fiducia negli screening, e ricordando che è stato dimostrato che, a parità di densità, non tutte le donne hanno lo stesso rischio.

Il documento di indirizzo propone poi altri tre cambiamenti più tecnici, che tengono conto del Mammography Quality Standards Act del 1992, e cioè:

  • la FDA potrà, qualora il centro non sia in grado di farlo, notificare a pazienti e curanti il fatto che la struttura dove si è effettuata la mammografia non risponde agli standard qualitativi, e che sarebbe opportuno ripetere l'esame in un centro certificato;
  • i centri dovranno utilizzare solo strumenti certificati;
  • il controllo dei referti sarà più stretto, al fine di evitare sovrapposizioni, smarrimenti e confusioni che possono ritardare le diagnosi e complicare il passaggio da un centro a un altro.

Secondo il National Cancer Institute il 12,4% delle donne riceve una diagnosi di carcinoma mammario durante la sua vita. Nel 2018 negli Stati Uniti le nuove diagnosi sono state 260.000 e i decessi 40.920: numeri che si spera possano migliorare grazie alle nuove norme sul seno denso e non solo.

Fonte:

FDA advances landmark policy changes to modernize mammography services and improve their quality
https://www.fda.gov/NewsEvents/Newsroom/PressAnnouncements/ucm634509.htm