• OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

  • OncoNews aprile

    Lecce 2019: l’oncologia nell’era della medicina digitale

Archivio News

Colonscopia ogni dieci anni per ridurre incidenza e mortalità


Lo screening per il carcinoma del color retto, da effettuare tramite colonscopia ogni dieci anni, funziona: riduce tanto l'incidenza di tumori quanto il rischio di morte.
Per quanto raccomandata da quasi tutte le società scientifiche e le autorità sanitarie, in realtà la cadenza decennale, in caso di esito negativo dell'esame, non è supportata da dati solidi; per questo gli oncologi del Dipartimento di gastroenterologia del Kaiser Permanente di Oakland e San Francisco, insieme a diversi altri gruppi statunitensi, hanno voluto fornire numeri che non potessero essere messi in discussione.

Hanno quindi preso in considerazione tutti i dati delle persone sottoposte a screening da Kaiser Permanente della California del Nord tra il 1998 e il 2015, e cioè oltre 1,2 milioni di uomini e donne di età compresa tra i 50 e i 75 anni, e verificato incidenza della malattia e della morte da tumore del colon, e hanno poi messo a confronto quanto trovato con i dati della popolazione della stessa fascia di età non sottoposta a screening. Il risultato, di cui dà conto JAMA Internal Medicine, non lascia dubbi: dopo un follow up medio di 12 anni, tra i primi il rischio è stato inferiore del 46%, i decessi addirittura dell'88% rispetto a quanto si è verificato in chi non aveva preso parte a uno screening con colonscopia.

La maggior parte delle attuali linee guida, comprese quella della US Preventive Services Task Force, consiglia, dopo i cinquant'anni e fino ai 75, un esame del sangue occulto nelle feci ogni anno, oppure una sigmoidoscopia ogni cinque o una colonscopia ogni dieci. Grazie allo studio californiano la raccomandazione relativa alla colonscopia è ora più solida.

Fonte:
Lee J et al. Long-term Risk of Colorectal Cancer and Related Deaths After a Colonoscopy With Normal Findings
JAMA Intern Med. Published online December 17, 2018. doi:10.1001/jamainternmed.2018.5565
https://jamanetwork.com/journals/jamainternalmedicine/fullarticle/2718339?guestAccessKey=89459ecc-0df1-4ab1-851d-8a1cfea93e68&utm_source=silverchair&utm_medium=email&utm_campaign=article_alert-jamainternalmedicine&utm_content=olf&utm_term=121718