• OncoNews ottobre

    La forma mentis dell’oncologo: il CIPOMO riflette a Sanremo

  • OncoNews ottobre

    La forma mentis dell’oncologo: il CIPOMO riflette a Sanremo

  • OncoNews ottobre

    La forma mentis dell’oncologo: il CIPOMO riflette a Sanremo

  • OncoNews ottobre

    La forma mentis dell’oncologo: il CIPOMO riflette a Sanremo

  • OncoNews ottobre

    La forma mentis dell’oncologo: il CIPOMO riflette a Sanremo

  • OncoNews ottobre

    La forma mentis dell’oncologo: il CIPOMO riflette a Sanremo

  • OncoNews ottobre

    La forma mentis dell’oncologo: il CIPOMO riflette a Sanremo

  • OncoNews ottobre

    La forma mentis dell’oncologo: il CIPOMO riflette a Sanremo

  • OncoNews ottobre

    La forma mentis dell’oncologo: il CIPOMO riflette a Sanremo

  • OncoNews ottobre

    La forma mentis dell’oncologo: il CIPOMO riflette a Sanremo

  • OncoNews ottobre

    La forma mentis dell’oncologo: il CIPOMO riflette a Sanremo

  • OncoNews ottobre

    La forma mentis dell’oncologo: il CIPOMO riflette a Sanremo

  • OncoNews ottobre

    La forma mentis dell’oncologo: il CIPOMO riflette a Sanremo

  • OncoNews ottobre

    La forma mentis dell’oncologo: il CIPOMO riflette a Sanremo

  • OncoNews ottobre

    La forma mentis dell’oncologo: il CIPOMO riflette a Sanremo

  • OncoNews ottobre

    La forma mentis dell’oncologo: il CIPOMO riflette a Sanremo

  • OncoNews ottobre

    La forma mentis dell’oncologo: il CIPOMO riflette a Sanremo

  • OncoNews ottobre

    La forma mentis dell’oncologo: il CIPOMO riflette a Sanremo

Archivio News

I risultati dei trial clinici europei? Noti solo a metà


Metà degli studi clinici condotti o coordinati da centri europei non rispettano le regole dell'Unione sulla pubblicazione dei dati, stabilite nel 2004, e forse sarebbe il caso di intervenire. Questa la conclusione dei ricercatori dell'Università di Oxford guidati da Ben Goldacre, che hanno effettuato la prima analisi completa sull'aderenza delle sperimentazioni ai dettami europei, la cui regola fondamentale è la pubblicazione dei risultati entro 12 mesi dalla conclusione dello studio.

Come riferito sul British Medical Journal, infatti, su 7.274 trial clinici esistenti nell'EU Clinical Trials Register, solo il 49,5% ha rispettato la scadenza e comunque ha reso noto l'esito.
Se poi si va a verificare chi siano stati i più diligenti, si scopre che le sperimentazioni sponsorizzate dalle aziende hanno avuto un tasso di aderenza ai criteri europei molto più alto rispetto a quello dei trial condotti interamente da enti accademici e di ricerca pubblici: 68 versus 11%; analogamente, coloro che guidano più spesso grandi sperimentazioni sono riusciti a tenere fede agli impegni presi nel 78% dei casi, contro l'11% dei centri che fanno solo pochi trial, probabilmente perché i primi hanno sempre una struttura specifica che segue anche questi aspetti, a differenza dei secondi. E non è tutto: anche coloro che hanno soddisfatto le condizioni indicate, in un caso su tre lo hanno fatto in modo a dir poco superficiale, accumulando veri e propri errori, omissioni e contraddizioni.

Infine, gli autori segnalano un sito dove sono reperibili tutti i dati, aggiornati ogni mese, comprese le performance di ogni azienda, università o ospedale che stia conducendo un trial clinico in Europa: Eu.trialstracker.net "Ci auguriamo" concludono "che la disponibilità di informazioni complete e aggiornate aiuti chi è coinvolto in una sperimentazione a migliorare il sistema di reporting, nell'interesse di tutti".


Fonte:
Goldacre B et al. Compliance with requirement to report results on the EU Clinical Trials Register: cohort study and web resource
BMJ 2018; 362 doi: https://doi.org/10.1136/bmj.k3218 (Published 12 September 2018)

https://www.bmj.com/content/362/bmj.k3218