• OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

  • OncoNews luglio

    CIPOMO: per la salute dei pazienti, custodire la salute del SSN

Archivio News

Trastuzumab: bastano sei mesi


Si chiama Persephone, sarà presentato all'imminente meeting dell'ASCO e si candida a cambiare la pratica clinica per le donne operate per un tumore al seno HER2 positivo, perché dimostra che il trastuzumab può essere dato per sei mesi anziché per 12 senza che questo comprometta i benefici che il monoclonale è in grado di apportare.

A condurre Persephone, studio finanziato dall'ente pubblico Britain's Institute for Health Research, sono stati gli oncologi dell'Università di Cambridge, che hanno trattato oltre 4.000 donne afferenti a 152 centri oncologici britannici e sottoposte anche a una chemioterapia con taxani, antracicline o una combinazione di entrambi, con un regime appunto di sei o di 12 mesi di trastuzumab, e hanno poi verificato i tassi di sopravvivenza libera da malattia per un follow up mediano di cinque anni. Alla fine nel complesso ci sono stati 319 decessi e 500 eventi; dopo quattro anni il tasso della sopravvivenza libera da malattia è stata pari all'89% in entrambi i bracci (nello specifico: 89,4% nelle donne sottoposte a sei mesi di trattamento, 89,8% in quelle di controllo), la sopravvivenza globale si è mostrata in linea con quella libera da malattia e le donne che hanno dovuto interrompere la terapia per la cardiotossicità è stato pari al 4% nelle donne trattate per sei mesi, e dell'8% nelle altre. Quest'ultimo aspetto risulta particolarmente importante, visto che a parità di efficacia è possibile contenere il danno sul cuore.

A ciò si devono aggiungere poi le valutazioni economiche: negli Stati Uniti un anno di trastuzumab costa circa 76.000 dollari, prezzo che in EWuropa è inferiore e che potrebbe scendere, visto che il biosimilare di Amgen è stato appena approvato dal CHMP, ma che comunque nel 2017 ha fruttato oltre 7 miliardi di dollari all'azienda produttrice della molecola originale.

 

Fonti:
Earl EM et al. PERSEPHONE: 6 versus 12 months (m) of adjuvant trastuzumab in patients (pts) with HER2 positive (+) early breast cancer (EBC): Randomised phase 3 non-inferiority trial with definitive 4-year (yr) disease-free survival (DFS) results.
J Clin Oncol 36, 2018 (suppl; abstr 506)
http://abstracts.asco.org/214/AbstView_214_217191.html
https://www.asco.org/about-asco/press-center/news-releases/shorter-trastuzumab-treatment-her2-breast-cancer-can-be